SYNECDOCHE, NEW YORK

Caden, il protagonista, è un regista teatrale, con sintomi da ipocondriaco alternati a manifestazioni di patologie reali. La sua vita, familiare, lavorativa e nel rapporto con se stesso, presenta conflitti e problematiche, che si evolvono e mutano lungo un percorso privo di riferimenti spazio temporali, durante il quale si sviluppa il suo cambiamento, interno ed esterno. Gli avvenimenti ruotano intorno alla preparazione di un nuovo spettacolo, dalla sceneggiatura originale, allestito a seguito del finanziamento economico guadagnato con la vittoria di un premio. Lo spettacolo stesso si presenta come lo specchio e lo scontro con le proprie realtà ed i propri vissuti, indagando il ruolo di comparse, protagonisti e sostituti nella farsa come nella vita reale, e rielaborando la sua intera esistenza.